Elezioni politiche, il riassunto della giornata: accordo trovato tra Letta e Calenda. Renzi corre da solo: “Prima della convenienza viene la politica”. Domani il segretario dem vede Fratoianni e Bonelli

di Simone Gioia

23.01 – Renzi: “Possiamo essere la sorpresa”
“Andremo a chiedere agli italiani di avere i voti necessari per entrare in parlamento: serve il 3%. E potremo fare la differenza. Possiamo essere la sorpresa, possiamo raccogliere anche i delusi di Azione. Uno si iscrive ad Azione e si ritrova con Rifondazione”. Lo ha detto il leader e senatore di Italia Viva, Matteo Renzi, a Controcorrente su Rete4.

22.50 – Conte: “Di Maio candidato del PD? Spettacolo non esaltante”
“Candidano Di Maio per restituire un favore? Se dopo la scissione di Renzi dal Pd noi avessimo offerto un seggio sicuro a Renzi, come ci sarebbero rimasti? Io sono sorpreso, facciano quello che vogliono, direi che lo spettacolo non è di quelli esaltanti”. Così il presidente del Movimento 5 Stelle, Giuseppe Conte, a In Onda su La7.

21.37 – Salvini: “Convinto che la Lega possa prendere un voto in più di tutti gi altri”
“Sono convinto non solo che il centrodestra possa vincere ma che all’interno del centrodestra la Lega possa prendere un voto in più di tutti gli altri per essere la forza trainante che porterà l’Italia al posto che merita. Adesso c’è una squadra compatta di centrodestra, dove c’è anche sana competizione interna ma siamo d’accordo sull’idea d’Italia che vogliamo”. Lo ha detto il leader della Lega, Matteo Salvini.

21.25 – Di Maio: “Necessario aprire una riflessione”
“Una coalizione si fa sui programmi, quindi adesso è necessario aprire una riflessione. Dovremo rivederci e fare un punto della situazione tra di noi”. Lo ha affermato Luigi Di Maio, capo politico di Impegno Civico.

21.15 – Calenda: “Di Maio è tutto quello che abbiamo combattuto in questa legislatura”
“Di Maio è tutto quello che abbiamo combattuto in questa legislatura, che non è solo l’incompetenza. Se Letta ha una passione per Di Maio non ho problemi ma non mi può chiedere di usare i miei voti per eleggerlo”. Lo ha detto il leader di Azione, Carlo Calenda, ospite di In onda su La7. 

21.08 – Letta: “Domani incontrerò Sinistra Italiana, Verdi e Impegno Civico”
“Oggi abbiamo fatto un’intesa importante con Azione e +Europa, domani incontrerò Sinistra Italiana, i Verdi e Impegno civico. Ci siamo sentiti. E faremo altri passi in avanti”. Lo ha detto il segretario Pd, Enrico Letta.

20.50 – Renzi: “Terzo polo, era un’occasione straordinaria”
“Era un’occasione straordinaria per fare un terzo polo a doppia cifra che avrebbe penalizzato la destra ma gli amici di Azione hanno deciso altrimenti. Noi siamo signori, non facciamo polemica. Tuttavia non possiamo stare nella stessa coalizione con chi per 55 volte ha votato contro Draghi. Fratoianni è un signore che fa politica ed ha idee che non condivido. Oggi Pd e Azione lo imbarcano, noi non siamo così”. Lo ha detto il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, intervenuto a Radio Leopolda. “Se Luigi Di Maio, che parlava del ‘partito di Bibbiano’, finisce col candidarsi sotto il simbolo del Pd e’ un problema del Pd, dei volontari delle feste dell’Unità. Se volevamo battere la Meloni avremmo dovuto fare cose diverse, dire noi che abbassiamo le tasse”.

20.42 – Candiani: “Incontro Letta-Di Maio alla Farnesina irrispettoso”
“Riteniamo profondamente irrispettoso l’utilizzo che Letta e Di Maio hanno fatto della Farnesina, una sede istituzionale di primissimo piano che non può essere ridotta a conciliabolo per spartirsi i collegi elettorali. Un utilizzo spregiudicato e inaccettabile delle Istituzioni italiane, che non vorremmo fosse addirittura già oltre il contesto della Farnesina. Fa sorridere poi che sia stato proprio Letta ad andare da Di Maio, testimonianza chiara di quanto sia disperato dopo che Calenda l’ha sostanzialmente piegato con le firme dell’accordo”  Lo afferma in una nota il senatore della Lega, Stefano Candiani

20.40 – Patuanelli: “Nessun imbarazzo ad essere ministro di un governo caduto”
“Nel ricoprire il ruolo di ministro in un governo caduto anche a seguito della posizione tenuta dal Movimento 5 Stelle di cui fa parte non c’è nessun imbarazzo: quella del Movimento è stata una scelta politica motivata e chiara. Non abbiamo partecipato al voto e poi nonostante la fiducia altissima sia alla Camera che al Senato il presidente” Draghi, “ha scelto di dimettersi. Non ho imbarazzo a dire che il mio movimento ha fatto una scelta politica basata su una non risposta”. Lo ha detto il Ministro delle Politiche Agricole, Stefano Patuanelli.

20.36 – Ciriani: “Agli alleati chiederemo un programma serio e realizzabile”
“Fratelli d’Italia domani al tavolo del programma chiederà agli alleati prima di tutto un programma serio e realizzabile. Vogliamo una politica fiscale a favore delle imprese che creano occupazione secondo la formula “più assumi meno paghi””. Lo ha detto Luca Ciriani, capogruppo di Fratelli d’Italia al Senato, al Tg1.

20.29 – Conte: “Di Battista? Persona seria e leale. Ci confronteremo”
“Alessandro Di Battista è una persona seria, assolutamente  leale. Ci confronteremo con lui e vedremo se condividerà questo nuovo percorso con questa carta dei principi e dei valori”. Lo ha detto il presidente del Movimento 5 Stelle, Giuseppe Conte, al Tg5.

20.20 – Della Vedova: “Campagna elettorale comincia oggi, si riapre la competizione”
“Questo che nasce è un centro e sinistra, e noi siamo il centro europeista riformatore e liberal democratico di questo patto elettorale. La campagna elettorale comincia oggi, si riapre la competizione”. Lo dice al Tg1 il segretario di +Europa, Benedetto Della Vedova.

20.04 – In corso assemblea di Impegno Civico
Come riporta il Corriere della Sera, è in corso alla Camera dei Deputati l’assemblea congiunta dei deputati e senatori di Impegno Civico, presieduta dal leader Luigi Di Maio.

19.34 – Marcucci: “Accordo PD-Azione-Più Europa riapre la partia delle elezioni”
“L’accordo Pd- Azione- Più Europa riapre la partita delle elezioni, rafforzando uno schieramento convintamente europeista ed atlantista.  Bene l’intesa sui punti programmatici”. Lo scrive su Twitter il senatore PD, Andrea Marcucci.

19.02 – Domani alle 15 incontro Fratoianni-Letta-Bonelli
“È in programma per domani alle 15 l’incontro fra il segretario del Pd, Enrico Letta, e i leader di Sinistra Italiana, Nicola Fratoianni, e dei Verdi, Angelo Bonelli”. A riferirlo è il Corriere della Sera.

18.50 – Incontro Letta-Di Maio alla Farnesina
“Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio e il segretario del Pd Enrico Letta hanno avuto un incontro alla Farnesina. Il faccia a faccia tra i due è terminato da pochi minuti”. A riportarlo è l’Adnkronos.

18.31 – Bonetti: “Carlo, hai sprecato una occasione storica. Peccato”
“Nessuna polemica, caro Carlo. Hai sprecato una occasione storica, peccato. Buon vento anche a te”. Lo scrive su Twitter la Ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia, nonché esponente di Italia Viva, Elena Bonetti.

18.23 – Berlusconi: “Italia non sarà più la stessa se il 25 settembre vinceremo noi”
“L’Italia non sarà più la stessa se il 25 settembre vinceremo noi e non vincerà la sinistra. La nostra Italia sarà un’Italia che crede nel suo futuro: avrà tasse più basse, meno vincoli burocratici, una giustizia imparziale che tutelerà i cittadini. Sarà un’Italia che si prenderà cura dei più deboli e che darà un futuro certo ai giovani”. Così, in un videomessaggio, il presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi.

18.18 – Mastella: “Letta-Calenda? Complicato aspirare al governo del Paese”
“Dal millepiedi al bipide, dall’alleanza arcobaleno a quella giallorossa. Con queste premesse credo sia difficile e complicato aspirare al governo del Paese. Io guardo le cose da distante e con il mio manipolo andremo da soli, creando qualche problemuccio in giro per l’Italia. Mi appare infine veramente incredibile come mai la semi-coalizione accetti Fratoianni, che ha sempre votato contro Draghi, e non Conte, che ha votato una sola volta contro pur facendolo cadere in maniera improvvida”. Lo afferma il segretario nazionale di Noi Di Centro, Clemente Mastella.

18.10 – Letta: “Conte avversario elettorale, ma nell’alveo della correttezza”
Giuseppe Conte è un avversario elettorale ma per quello che mi riguarda faremo una campagna sempre nell’alveo della correttezza, senza scadere mai”. Lo ha detto il segretario del Partito Democratico, Enrico Letta, a Metropolis, su Repubblica tv.

17.00 – Letta a SI ed Europa Verde: “Vediamoci domani”
“Incontro con i leader di Sinistra Italiana ed Europa Verde? Certamente. Propongo di vederci domani”. Così Enrico Letta, secondo fonti del Nazareno, ha risposto alla richiesta d’incontro di Bonelli e Fratoianni.

16.55 – Bonelli al PD: “Incontriamoci per verificare se ci sono ancore le condizioni”
“Siamo da sempre impegnati per difendere la democrazia nel nostro Paese, ma anche per dare un segnale alla grande questione dell’emergenza climatica. Va data una risposta sul piano sociale. Alla luce di questo, chiediamo un incontro al Pd per verificare se ancora ci sono le condizioni di un’intesa elettorale che coinvolga l’alleanza tra Verdi e Sinistra”. Così Angelo Bonelli, co-portavoce di Europa Verde.

16.15 – Fratoianni: “Accordo Letta-Calenda legittimo ma non vincolante per noi”
“Consideriamo questo accordo legittimo, perché bilaterale, ma non lo riteniamo minimamente vincolante per la nostra proposta politica”. Lo ha detto il segretario nazionale di Sinistra Italiana, Nicola Fratoianni.

16.07 – Franceschini: “Meloni innervosita perché ora la partita si è aperta”
“Vedo che Giorgia Meloni si è molto innervosita per questo accordo e ha buone ragioni perché ora la partita per vincere si è completamente aperta. Grazie a Letta per il lavoro paziente e intelligente che ha fatto e che sta continuando a fare anche in queste ore per rafforzare il sistema di alleanze attorno al Pd”. Così il Ministro della Cultura e dirigente del Partito Democratico, Dario Franceschini.

15.58 – Forza Italia: “Calenda, fine del bluff”
“Calenda ha sempre detto che avrebbe tirato dritto per la sua strada. Invece ha girato a sinistra, per tornare a casa! Fine del bluff”. Così, in una nota, Forza Italia.

15.53 – Zingaretti: “E ora avanti con le nostre idee”
“E ora avanti con le nostre idee e l’ambizione di vincere. Continuiamo ad allargare e ad aprire l’alleanza. L’Italia e l’Europa più giuste passano per la sconfitta delle destre” ha commentato il presidente della regione Lazio, Nicola Zingaretti.

15.50 – Castellone: “Ufficialmente nata la grande ammucchiata”
“Letta e Calenda: giunge finalmente a lieto fine questa telenovela. Ora è ufficialmente nata la grande ammucchiata: un minestrone in cui c’è di tutto. Il M5S è l’unica forza credibile, che antepone i bisogni dei cittadini alle poltrone e agli accordi di convenienza”. Lo scrive sui social la capogruppo al Senato del Movimento 5 Stelle, Mariolina Castellone.

15.45 – Letta: “Italia conta molto di più dei singoli partiti”
“L’Italia conta molto di più dei singoli partiti, dopo l’esperienza del governo Draghi non può passare al governo delle destre. Una proposta vincente, convincente, rispettosa degli alleati e alternativa alle destre è la scelta giusta per far prevalere lo spirito di coalizione” ha scritto su Twitter il segretario PD, Enrico Letta.

15.41 – Prodi: “Contento dell’intesa siglata. Accordo che rende più forte la coalizione”
“Sono molto contento dell’intesa siglata tra Pd e Azione/+Europa non solo perchè si tratta di un accordo elettorale che rende molto più forte la coalizione, ma anche perchè questo accordo comprende finalmente una comune strategia su scelte determinanti per il futuro del Paese”. Lo afferma l’ex Presidente del Consiglio e della Commissione Europea, Romano Prodi.

15.38 – Fassino: “Accordo PD-Azione/+Europa? Patto di serietà e responsabilità”
“Un patto di serietà e responsabilità su temi e proposte chiare, senza demagogia e populismi, per una Italia che guardi al futuro dei giovani e ai diritti di tutti. I progressisti uniti per una Italia più stabile e un’Europa più forte”. Lo ha dichiarato il presidente della Commissione Esteri della Camera, Piero Fassino.

15.35 – Berlusconi: “Torneremo ad istituire il Ministero per gli italiani nel Mondo”
“Troppo spesso l’Italia è stata una madre distratta verso quei suoi figli lontani, che sono orgogliosi di essere e sentirsi italiani. Verso di loro abbiamo un debito morale che il nostro governo saprà onorare. Anche per questo torneremo ad istituire, come esisteva nei miei governi, il Ministero per gli Italiani nel Mondo”. Lo afferma Silvio Berlusconi in una intervista a “La voce di New York””.

15.30 – Meloni: “Finisce la storiella di Azione partito moderato”
“Finisce la storiella di Azione partito moderato, alternativo alla sinistra tutta tasse, assistenzialismo e nemica del ceto produttivo. L’alleanza fa chiarezza sulle forze in campo alle prossime elezioni. A misurarsi con il centrodestra e FdI ci sarà la solita sinistra. Il Pd, la sinistra estrema e Azione, la costola del Pd presieduta dall’europarlamentare eletto nel Pd, Carlo Calenda”. Lo dichiara la presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

15.25 – Faraone: “A Calenda consiglio guida rapida per l’eliminazione di tutti i tweet…”
“Consiglierei a Carlo Calenda una guida rapida che lo segua passo passo nell’eliminazione di tutti i tweet e i post pregressi in modo massiccio e automatico. La stessa guida suggerisce anche azioni più drastiche: cancellare interamente i profili Tw e Fb”. E’ il tweet del senatore di Italia Viva, Davide Faraone.

15.21 – Nardella: “Accordo frutto dell’impegno di Letta e del buonsenso degli alleati”
“Bene l’intesa tra il PD, Azione e Più Europa. Con tenacia si raggiungono traguardi importanti. Un accordo frutto dell’impegno di Enrico Letta e del buonsenso degli alleati. Ora subito al lavoro con proposte concrete per battere la destra e governare l’Italia”. E’ il commento del sindaco di Firenze PD, Dario Nardella.

15.18 – Bonino: “Accordo Letta-Azione buono per l’Italia”
“Penso che sia un buon accordo per l’Italia e per gli italiani, anche nel contesto internazionale”. Lo ha detto la senatrice di +Europa, Emma Bonino, a Timeline, su Sky Tg24, commentando l’accordo tra il leader di Azione Carlo Calenda e il segretario PD, Enrico Letta.

15.15 – Richetti: “Patto di oggi con il PD rafforza area Draghi”
“Il Patto politico sottoscritto oggi con il Pd rafforza l’area che ha sostenuto il Governo Draghi fino alla fine e che ha reso possibili i risultati che oggi stiamo registrando in campo economico. Voglio sottolineare la generosità con la quale Carlo Calenda ha siglato questa intesa: nessun voto raccolto da Azione e Più Europa servirà ad eleggere chi ha ostacolato Draghi o alimentato il populismo. La comunità di Azione è grata al lavoro svolto in questa fase difficile dal nostro segretario nazionale”. Lo afferma il presidente di Azione, Matteo Richetti.

15.09 – Accordo trovato tra PD e Azione/+Europa: ecco i punti del programma

14.47 – Calenda: “Soddisfatto dall’accordo raggiunto con il PD. Ora a combattere”
“Per quanto ci concerne, l’accordo raggiunto oggi con il Partito Democratico è pienamente soddisfacente. Sia sul tema uninominali, sia sul tema punti programmatici. Da rigassificatore a no all’aumento delle tasse. E ora a combattere” scrive su Twitter Carlo Calenda, dopo l’accordo raggiunto con il PD.

14.41 – Renzi: “Prima della convenienza viene la Politica”
“Abbiamo voluto Draghi al governo, soli contro tutti. Oggi non ci alleiamo con chi ha votato CONTRO Draghi. Prima della convenienza viene la Politica. Quello che gli altri definiscono solitudine, noi lo chiamiamo coraggio. Pronti, ci siamo”. E’ il tweet del senatore e leader di Italia Viva, Matteo Renzi.

14.37 – Gasparri: “Letta e Calenda hanno sottoscritto il patto delle tasse”
“Letta e Calenda hanno sottoscritto il patto delle tasse. Dopo settimane di finto tira e molla oggi assistiamo ad un finale scritto da tempo: Calenda ha prima attirato a sé i trasformisti del centrodestra, promettendo un grande centro, poi si è consegnato a quello stesso Pd che a Roma gli aveva voltato le spalle. Un`operazione a dignità zero che scredita definitivamente chi dal centrodestra, rinnegando tutto, è passato in Azione. Finalmente viene giù la maschera di equidistanza di chi invece si presta ai soliti giochi del Pd. Il loro programma è chiaro: più tasse, legalizzazione delle droghe, cittadinanza facile per gli immigrati. Saranno sconfitti il 25 settembre. Il centrodestra unito, con Forza Italia garante dei moderati, stravincerà”. Lo dichiara in una nota il senatore di Forza Italia, Maurizio Gasparri.

14.28 – Rosato: “Il polo moderato ci sarà. Saremo noi”
“Un polo di centro, moderato, riformista, coerente con quello che abbiamo sempre detto alle prossime elezioni ci sarà. Saremo noi”. Lo scrive su Twitter il presidente di Italia Viva, Ettore Rosato.

14.23 – Calenda: “Renzi? Le porte sono aperte a tutti”
“Renzi? Le porte sono aperte a tutti e io ci ho pensato molto. È del tutto evidente che la rottura in questa fase paga quasi sempre dal punto di vista dei numeri, ma non si fa politica per i numeri. Non credo che nessuno abbia mai messo veti dal punto di vista coalizione”. Lo ha detto il leader di Azione, Carlo Calenda, in conferenza stampa.

14.20 – Letta: “Abbiamo dimostrato grande senso di responsabilità”
“Abbiamo dimostrato un grande senso di responsabilità. L’Italia conta molto di più rispetto ai singoli partiti. Non è immaginabile che dopo l’esperienza del governo Draghi l’Italia passi ad un governo delle destre”. Lo ha detto il segretario PD, Enrico Letta, dopo l’accordo siglato con Azione di Carlo Calenda e +Europa di Benedetto Della Vedova.

14.13 – Calenda: “Pienamente soddisfatto dell’accordo, oggi si riapre la partita”
“Sono pienamente e interamente soddisfatto dell’accordo, c’è un richiamo all’agenda Draghi. Oggi si riapre la partita, non credo che gli italiani siano disponibili a farsi sottomettere da una proposta che li porta ai margini dell’Europa, parlo di dignità. Siamo solidi e compatti, niente è scritto, andiamo a vincere le elezioni, da oggi per me ogni discussione è finita, c’è la partita e la partita la vinciamo”. Lo ha detto il leader di Azione, Carlo Calenda, in conferenza stampa alla Camera, assieme ad Enrico Letta e Benedetto Della Vedova.

14.11 – Conte: “Accordo Letta-Calenda? In bocca al lupo alla nuova ammucchiata”
“Finalmente è finita la telenovela Letta-Calenda: in bocca al lupo alla nuova ammucchiata che va dalla Gelmini dei tagli alla scuola al Pd, passando per Calenda, che non ha mai messo il naso fuori da una Ztl. Si riconoscono nell’”agenda Draghi”. Salario minimo LEGALE, lotta all’inquinamento e alla precarietà giovanile saranno fuori dalla loro agenda. Nessun problema, ce ne occuperemo noi”. Lo scrive su Facebook il Presidente del Movimento 5 Stelle, Giuseppe Conte.

14.10 – Il 70% dei collegi uninominali andrà al PD, ad Azione e +Europa il 30%
“La totalità dei candidati nei collegi uninominali della coalizione verrà suddivisa tra Democratici e Progressisti e Azione/+Europa nella misura del 70% (Partito Democratico) e 30% (+Europa/Azione), scomputando dal totale dei collegi quelli che verranno attribuiti alle altre liste dell’alleanza elettorale. Questo rapporto verrà applicato alle diverse fasce di collegi che verranno indentificati di comune intesa”. E’ uno dei punti dell’accordo raggiunto tra Enrico Letta, Carlo Calenda e Benedetto Della Vedova.

14.03 – Tajani: “Azione getta la maschera”
“Azione getta la maschera. E’ la quinta colonna del Partito democratico e della sinistra. Altro che progetto per creare un nuovo centro, altro che governo Draghi, semplicemente al servizio di chi vuole la patrimoniale per qualche posto in più”. Così, su Twitter, il coordinatore nazionale di Forza Italia, Antonio Tajani.

13.50 – PD-Azione, accordo trovato: “Nei collegi uninominali non saranno candidati i leader delle forze politiche”
“Le parti si impegnano a non candidare personalità che possano risultare divisive per i rispettivi elettorati nei collegi uninominali, per aumentare le possibilità di vittoria dell’alleanza. Conseguentemente, nei collegi uninominali non saranno candidati i leader delle forze politiche che costituiranno l’alleanza, gli ex parlamentari del M5S (usciti nell’ultima legislatura), gli ex parlamentari di Forza Italia (usciti nell’ultima legislatura)”. È quanto si legge nel testo dell’accordo sottoscritto da Azione, +Europa e Partito Democratico.

Conferenza stampa di Letta, Calenda, Della Vedova

13.10 – De Petris al PD: “E’ ancora possibile evitare il disastro”
“Vorrei che tutti si rendessero conto che si sta profilando un vero e proprio disastro elettorale che porterà la destra a dilagare nei collegi. Comunque vada a finire la sceneggiata fra Letta e Calenda è evidente che una coalizione priva di qualsiasi cemento progettuale comune non può che essere perdente. E’ ancora possibile evitare il disastro. Letta e il Pd sarebbero in tempo per rinsavire e ridare vita a quella coalizione di centrosinistra alla quale avevamo lavorato per tre anni e che sarebbe in grado oggi di offrire agli elettori una vera alternativa solida e non appiccicaticcia alla destra”. Lo afferma la capogruppo di Liberi e Uguali al Senato, Loredana De Petris.

13.09 – Boschi: “Chi fa il terzo polo dà una casa ai riformisti. Letta? Non ci riconosciamo nella sua proposta”
“Non ci riconosciamo nella proposta che sta portando avanti Letta”. Così, a L’Aria Che Tira su La7, la deputata di Italia Viva, Maria Elena Boschi, che ha aggiunto: “Chi fa il terzo polo aiuta il Paese non la destra. Dà una casa ai riformisti”.

12.56 – Carfagna: “Boom dei posti di lavori stabili. E’ stato saggio fermare governo Draghi?”
“Il boom dei posti di lavoro stabili conferma la serietà e l’efficacia del lavoro compiuto dal governo Draghi: un’Italia che cresce del 3%, più della Germania, e torna a creare occupazione. C’è ancora qualcuno che pensa sia stato saggio fermare questo percorso?”. Lo scrive su Twitter la Ministra per il Sud e la Coesione territoriale, Mara Carfagna.

12.55 – Tajani: “Io come possibile ministro degli Esteri? Metto a disposizione la mia esperienza”
“Salvini chiede di fare prima delle elezioni i nomi di alcuni ministri? Berlusconi sta riflettendo su possibili nomi di ministri, politici e non politici, e se tutti i leader saranno d’accordo si possono pure presentare dei nomi. Si vedrà, ma per correttezza non è giusto ora fare nomi che poi magari non trovano accordi”. Lo ha dichiarato il coordinatore nazionale di Forza Italia, Antonio Tajani. “Io come possibile ministro degli Esteri? Io lavoro per raccogliere voti, metto a disposizione la mia esperienza, sono un militante: per me quello che conta è la coerenza, non partecipo alla battaglia politica per conquistare pennacchi o gradi. Farò quello che serve ma posso anche non fare nulla”.

12.50 – Meloni: “Draghi smentisca l’ipotesi di un’accelerazione del processo di vendita di Ita a Lufthansa”
“Mi auguro che il presidente Draghi smentisca l’ipotesi di un’accelerazione del processo di vendita di Ita a Lufthansa. È un argomento del quale si sta parlando molto sui media e che ci fa letteralmente sobbalzare visto che il governo è dimissionario e può occuparsi solo di affari correnti. Questo non lo sarebbe affatto. Saremmo tutti molto più sereni se arrivasse dal presidente Draghi una sua smentita. Dal 25 settembre in poi tutto potrà cambiare e al rilancio della nostra compagnia aerea di bandiera penserà chi governerà. Ora che abbiamo affrontato sacrifici indicibili per comprimerne i costi, occorre valutare con attenzione la presenza dello Stato nella compagnia e la partecipazione azionaria di altri partner”. Lo afferma in una nota la presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

12.43 – Orlando: “Incontro Letta-Calenda? Non si commenta una partita mentre si sta giocando”
“Non si commenta una partita mentre si sta giocando. Quello che penso l’ho detto nei giorni scorsi, ora si tratta di far lavorare il nostro segretario e di verificare le condizioni per la realizzazione di accordi”. Sono le parole del Ministro del Lavoro ed esponente PD, Andrea Orlando, in merito all’incontro che è in corso tra Enrico Letta e Carlo Calenda per trovare un accordo sull’alleanza.

12.26 – Conte: “Ci aspetta campagna contro tutto e tutti”
“Ci aspetta una campagna contro tutto e tutti. Avanti, insieme!” scrive su Facebook il leader e presidente del Movimento 5 Stelle, Giuseppe Conte.

12.24 – Renzi: “Come sarebbe bella una campagna elettorale sui contenuti e sui dossier”
“Sono molto preoccupato. Mentre qui si parla di piccole cose, le tensioni internazionali esplodono: Ucraina, Mare Cinese, Balcani. Come sarebbe bella una campagna elettorale sui contenuti e sui dossier. Come sarebbe bello fare politica sui temi e non sugli slogan. Proviamoci”. E’ il tweet del senatore e leader di Italia Viva, Matteo Renzi.

12.15 – Tajani annuncia: “Il nome di Berlusconi nel simbolo di Forza Italia”
“Ci sarà assolutamente il nome di Silvio Berlusconi nel simbolo di Forza Italia”. Lo ha detto il coordinatore nazionale del partito, Antonio Tajani.

12.04 – Boschi: “Bonino dice no a Renzi per rancori personali”
“Emma Bonino dice no a Matteo Renzi perché nel 2014 non è stata confermata ministro degli Esteri. Credo sia meglio costruire il terzo polo anziché vivere di rancori personali”. Così, su Twitter, la deputata di Italia Viva Maria Elena Boschi.

12.01 – Rosato: “Tema degli uninominali è un falso problema”
“Il tema degli uninominali è un falso problema. La questione è: c’è una coalizione che comprende gli anti Draghi o no? Poi che siano alleati in uninominali o plurinominali non cambia nulla perché NON esiste il voto disgiunto”. Lo scrive su Twitter il presidente di Italia Viva, Ettore Rosato.

11.50 – Berlusconi: “Forza Italia deve arrivare vicino al 20%”
“Speriamo come Forza Italia di arrivare vicino al 20% e anche oltre. Si deve vincere e io credo che ce la faremo”. Lo ha detto il presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi.

11.32. – A Montecitorio è arrivato anche Calenda, che incontrerà Enrico Letta
Dopo Enrico Letta, arrivato alle 10.30, è arrivato a Montecitorio anche il leader d Azione Carlo Calenda, pronto a incontrare il segretario PD. Ai cronisti, Calenda ha dichiarato: “Veniamo con spirito costruttivo, non è difficile se c’è la volontà. “Siamo qui per trovare accordo su collegi uninominali” è stato invece il commento del segretario di +Europa, Benedetto Della Vedova.

11.28 – Bonelli: “Nessun leader di partito candidato negli uninominali, apriamo alla società civile”
“Calenda si sveglia la mattina e ha una bulimia di attacco: prima i Cinque Stelle, più Fratoianni, me, di Maio. Vediamo domani mattina che fa. Stamattina ho fatto una proposta a Letta. Con i veti consegniamo il paese alla destra peggiore d’Europa, quindi ho fatto proposta affinché tutti i leader dei partiti non si candidino negli uninominali. Apriamo invece alla società civile”. Lo ha dichiarato il leader di Europa Verde, Angelo Bonelli.

11.06 – Salvini: “Vogliamo tagliare le tasse su pane e beni di prima necessità”
“Parlo di vita reale, non di legge elettorale o di litigi Calenda e Letta. Gli italiani dopo due anni di Covid e bollette chiedono unità e soluzioni. La Lega al tavolo del programma sta portando alcune proposte. In queste ore stiamo lavorando perché questo governo tagli le tasse su pane e beni di prima necessità, vale un miliardo”. Così, a Morning News su Canale 5, il segretario della Lega, Matteo Salvini.

10.41 – Salvini: “Sì al nucleare, no alla Legge Fornero”
“Dobbiamo riprendere tutti i cantieri fermati dai signor no, dal nucleare sicuro e pulito, ai cantieri come quegli per gli invasi per l’acqua fino al ponte di Messina. No netto alla Legge Fornero e il ritorno a quota 41 per liberare posti di lavoro e dare la meritata pensione; sulla scuola buon senso ma didattica in presenza, basta con bimbi ed insegnanti a casa e con le mascherine. Fermare sbarchi e traffico di essere umani si può”. Lo ha detto il leader e segretario della Lega, Matteo Savini.

10.14 – Centrodestra, slitta alle 15 il tavolo sui collegi
“Slitterà alle ore 15 il tavolo del centrodestra sui collegi. Al tavolo dovrebbero esserci Antonio Tajani e il governatore della Calabria Roberto Occhiuto per Forza Italia, Ignazio La Russa, Francesco Lollobrigida e Giovanni Donzelli per Fratelli d’italia, Roberto Calderoli e Giancarlo Giorgetti per la Lega, Lorenzo Cesa e Antonio De Poli per l’Udc”. A riportarlo è SkyTg24.

09.54 – Ghisleri: “Tutto si deciderà negli ultimi dieci giorni”
“Non bisogna basarsi solo sui dati usciti in queste settimane. Tutto si deciderà, come sempre, negli ultimi dieci giorni della campagna elettorale”. Così, oggi su la Repubblica, la direttrice di Euromedia Research, Alessandra Ghisleri.

09.46 – Taverna: “Non sono delusa. Rimarrò altri dieci anni nel Movimento 5 Stelle”
“La delusione è l’ultimo dei sentimenti che provo, mi dispiace non portare avanti in prima persona quanto ho già fatto in questi anni, ma adesso sono pronta a mettere a disposizione la mia esperienza a partire dalla campagna elettorale, sono carica”. Così, oggi su Il Fatto Quotidiano, la senatrice del Movimento 5 Stelle, Paola Taverna. “Dopo dieci anni passati nelle istituzioni grazie al M5S, ne passerò altri dieci accanto al Movimento. Noi sapevamo tutti che alla fine la regola sarebbe rimasta; c’è stato un confronto tra Grillo e Conte e io sono certa che sia stato corretto e leale. Il quadro è ancora in evoluzione, ma a oggi direi proprio che correremo da soli”.

09.30 – Conte: “Campo largo diventato campo di battaglia”
“Chi di arroganza ferisce di arroganza perisce. Il campo largo è diventato un campo di battaglia, basta vedere come Calenda stia trattando il Pd. Lasciamoli litigare, noi siamo da soli, coerenti”. Lo ha detto il presidente del Movimento 5 Stelle, Giuseppe Conte, a nel corso di Radio Anch’io su Radio Rai 1.

08.45 – Bonino: “Renzi in coalizione? No”
Di Renzi cosa pensa? “Un buon premier. Abile nel gioco politico. Non sempre siamo in sintonia, diciamo”. Lo vorrebbe in coalizione? “No” ha dichiarato Emma Bonino di +Europa oggi sul Corriere della Sera.

Pubblicato da Simone Gioia

Simone Gioia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: